Cookie Policy

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Generazione Z: un futuro che guarda al passato

- 03/04/2019

 



Digitali e social ma anche inclusivi, responsabili, concreti e con valori importanti: gli appartenenti alla generazione Z riscoprono la famiglia, l'amicizia e la vita off-line, smentendo gli stereotipi più diffusi sui giovanissimi. Questo quanto è emerso dalla ricerca "Generazione Z: un futuro che guarda al passato" commissionata da BNP Paribas Cardif, tra le prime dieci compagnie assicurative in Italia (Classifica ANIA 2017), e condotta dall'istituto di ricerca AstraRicerche. Un viaggio attraverso gli occhi dei 14-24enni, per indagare il loro rapporto con la sfera sociale, la tecnologia, l'informazione, le abitudini di consumo, la mobilità, il tempo libero, il lavoro e le aspettative sul futuro.

La presentazione della ricerca, nella prestigiosa cornice della sede Torre Diamante di BNP Paribas, è stata moderata da Gianluca Gazzoli, conduttore di RadioDeejay, e ha visto l'intervento di Isabella Fumagalli -Head of Territory for Insurance in Italy di BNP Paribas Cardif-, Cosimo Finzi -Direttore di AstraRicerche-, Salvatore Palella -CEO & Founder Helbiz-, Valentino Magliaro -Civic Leader Obama Foundation e Founder Humans to Humans-, Cristina Cislaghi -Head of Media Relations di BNP Paribas Cardif- e la partecipazione "virtuale" dei ragazzi di MABASTA, vincitori del contest Open-F@b Call4Ideas 2019 promosso da BNP Paribas Cardif, con cui la Compagnia collabora affiancandoli nel loro progetto contro il bullismo e il cyberbullismo.

"L'ascolto è il primo strumento che abbiamo per rispondere in maniera efficace ai cambiamenti sociali con soluzioni sempre più accessibili e orientate alle persone. Dopo Millenials e Over 65 ci interessava comprendere la Generazione Z che rappresenta il target del futuro - afferma Isabella Fumagalli, Head of Territory for Insurance in Italy di BNP Paribas Cardif - "Ci siamo trovati di fronte a dei giovanissimi nativi digitali concreti e con le idee chiare, dove il mondo virtuale è una ‘normalità' che non soppianta i valori tradizionali, come la famiglia e gli amici, e quelli nuovi, come l'inclusione e la sostenibilità. La nostra sfida sarà di offrire loro prodotti innovativi e nuovi modelli di servizio in una logica digitale che tenga sempre conto della componente esperienziale e dell'impatto sociale positivo."

 

Scarica il comunicato stampa

Scarica i principali highlights

Scarica l'infografica